CORTALE

Sunday, 13 March 2011

  • Sorge a: 410 metri s.l.m.;
  • Il territorio del comune è compreso tra i: 102 e i 950 metri s.l.m.;
  • L'escursione altimetrica complessiva è pari a: 848 metri;
  • Deriva il nome: Chiamato nei documenti con il nome di Curtalo, deriva dal latino cohortalis, ossia "relativo alla stalla";
  • Denominazione Abitanti: cortalesi;
  • Popolazione:2.316(M 1.086,F1.230;Istat 1.1.10);
  • Superfice: 29,29 Kmq;
  • Densità abitativa: 79,1 abitantiper Kmq. (2.316/29,29);
  • Santo Patrono: San Giovanni Battista;
  • Festa Patronale:24 giugno;
  • Fa parte di: Comunità Montana Fossa del Lupo; Regione Agraria n. 6 - Collina dell'Ancinale;
  • Confina con i Comuni di: Borgia, Cenadi, Filadelfia (VV), Girifalco, Jacurso, Maida, Polia (VV)
  • Dista: 41 chilometri da Catanzaro;
  • INPS:Via Saverio D'Ippolito, Lamezia Terme;
  • INAIL:Via V.Veneto Catanzaro;
  • Centro Per L'Impiego:Corso Numistrano, Lamezia Terme;
  • S.P.I.S.A.L.:Via S.T.Notaro (vecchio Ospedale) Lamezia Terme
  • Il Municipio è sito in: Via F. Turati 18, tel. 0968 76018, fax. 0968 76018;
  • L'indirizzo di posta elettronica è:

Codici:
  • CAP:88020;
  • Prefisso Telefonico: 0968;
  • Codice Istat:079034
  • Codice Catastale:D049;



Le Chiese

Chiesa di Santa Maria Cattolica Maggiore; Chiesa di Santa Maria Cattolica; Chiesa di San Giovanni Battista (detta di Santa Croce)




La Chiesa S. Maria Cattolica è un autentico gioiello di barocco calabrese e di arte religiosa con la navata centrale che risale a dopo il terremoto del 1638 e 1783. Internamente segue lo stile impero con fini lavori di stucco diffusi in tutta la chiesa e con affreschi di notevole pregio artistico. Si possono ammirare cinque dipinti di Andrea Cefaly, ancora giovane, che affrescano la volta, mentre, di pregevole fattura  è la statua lignea della Madonna del Carmine.

Di particolare interesse è la Chiesa dell'Arcipretura, S. Maria Maggiore Cattolica, che colpisce l'attenzione per la maestosa cupola realizzata  con il sistema di costruzione etrusca, mediante la sovrapposizione di piccole anfore rotonde in terracotta e vuote internamente e saldate con semplice strato di cemento per renderla leggera e resistente. La facciata e le vecchie mura esterne, originariamente rivestite di semplici e nudi mattoni, sono oggi ricoperte dagli intonaci di malta. Lavori di restauro e di recupero effettuati ultimamente hanno in parte posto rimedio, ma occorre continuare con alacrità.


Attivo è il volontariato e l’associazionismo cattolico.

Nota redazionale

L''aggressione al Patrimonio artistico calabrese è  stata una costante della Calabria, ma che evidenzia il mancato controllo da parte degli Enti e degli Uffici preposti alla tutela. In tal modo si è depotenziata la nostra offerta  artistico-culturale, la quale non è molta, perchè da noi il mecenatismo è stato assente, per cui risentiamo della mancanza di un "Rinascimento" ,dove la creatività dell'artista,dell'uomo artigiano poteva esprimersi compiutamente.I ricchi hanno pensato solo ed , esclusivamente,  ad accumulare "roba",così come descritta nel "
Mastro don Gesualdo"  dal Verga   non favorendo la  creativa e l'estro dell'artigiano. Ma, forse non erano ricchi,ma semplici coloni che si arricchivano, indebitamente, mettendo da parte il proprio "onore".

Quel Mecenatismo mancato sta producendo per la Calabria gli effetti negativi dell'oggi, e con essi, i primati negativi che registriamo.Peccato che i figli degli artigiani e degli operai facciamo riferimenti a questi esempi deleteri nel nostro operare, mentre, quando siamo presenti nelle Istituzioni viene meno la sana ambizione e la saggezza che fu dei nostri genitori.

Il patrimonio che abbiamo, così lo dobbiamo alla Chiesa calabrese, che si è manifestata in Calabria, maggiormente,con monaci Basiliani. L'unica che ha svolto questa funzione artistico-culturale. Perchè la caduta della Calabria è culturale, e dopo  è economica. La progettualità avviata, così si sofferma sulla Chiesa e sulla Sua presenza sul territorio per il contributo che Essa ha dato e dà alla Calabria, anche, dal punto di vista artistico-culturale.

Non è stato così per Cortale,
lo testimonia il suo patrimonio artistico-culturale presente, ma si evidenzia, soltanto, l'abbandono di un certo passato recente a cui occorre porvi rimedio per essere offerta  e richiamo turistico. Cortale per il suo trascorso storico-culturale-artistico, lo chiede, perchè ha le potenzialità, le risorse umane, un associazionismo cattolico, le Istituzioni locali  con amministratori  dalla sana ambizione. 



Cultura e arte

Cortale è una cittadina piena di  arte e di cultura. Esso ha dato i natali ad artisti, come il Cefaly; politici, come Foderaro.


I
suoi Palazzi: Palazzo Cefaly,mentre è carateristica e ristoratrice la sua fontana, detta: " cinque fontane".


Antonio_CefalyAntonio Cefaly, nato a Cortale (Catanzaro) il 10 novembre 1850 e morto a Roma il 4 aprile 1928; agricoltore e possidente,  fu consigliere comunale di Cortale dal 1871, sindaco dal 1873 al 1878 e dal 1879 al 1883, consigliere provinciale di Catanzaro dal 1875, membro della Deputazione provinciale, e presidente del Consiglio provinciale dal 1903, socio e presidente di numerose società di mutuo soccorso.
Deputato nelle legislature XV, XVI, XVII (Catanzaro II Monteleone Calabro) e XVIII (Nicastro), l'on. Cefaly fu nominato senatore il 17 novembre 1898, per la cat. 3 (I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio) e ricoprì la carica di vicepresidente dal 24 novembre 1913 al 7 dicembre 1919 e dal 14 giugno 1921 al 10 dicembre 192 Fu decorato con le onorificenze di grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia dal 13 marzo 1921 e di gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro dal 4 agosto 1921


ANALISI  MOVIMENTI ANAGRAFICI DI CORTALE  (CENSIMENTI 1991-2001 ED ISTAT  1.1.2010)


La popolazione nel censimento del:
•    1991 è pari a  2.898 abitanti.
•    2001 è, invece, è pari a 2.436 abitanti,
mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti in meno pari al  -15,94% Gli abitanti sono distribuiti in 958 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,54 componenti.

Istat 31.12.2009/1.1.2010
Al  31.1.2009 la popolazione è pari a 2.316 abitanti, con una variazione percentuale in meno rispetto al:
•    1991 del  -20,08% (-1,06% annuo);
•    2001 del  -  4,93% (-1,05% annuo);
Gli abitanti sono distribuiti in 975 nuclei familiari (+17 sul 2001) con una media per nucleo familiare di 2,38 componenti ( diff.media per nucleo familiare -0,16 sul 2001). 

Si evidenzia, per completezza statistica, che:
Il 2009, rispetto al 2008, ha registrato un decremento demografico del -0,172%, su base annua  e del -0.014%. Infatti, al:
•    2008 la popolazione era pari a 2.320 abitanti.

Ma,vediamo nel dettaglio:

Confronto anno 2009 ( Istat 1.1.10) con censimenti 1991 e 2001 e 2008
periodo indica anni rifer. abitanti anno…...
a abitanti Anno (in neretto)….... abit. in% base 100 (+-) in % anni* %xanno
1991/2010* 2898 2316 79,92 100 -20,08 19 -1,06
1991/2001 2898 2436 84,06 100 -15,94 10 -1,59
2001/2010* 2436 2316 95,07 100 -4,93 9 -0,55





% annuo
mesi
%  mensile
2008/2009 2320 2316 99,83 100 -0,172 12 -0,014
Nota:*i dati 2010 sono quelli ISTAT al 1.1.2010, quindi, anno 2009
*Anni: Tra 1991-2009 = anni 19; Tra 1991 e 2001 = anni 10; Tra 2008 e 2009= mesi 12

ECONOMIA

Agricoltura
Particolarmente presente è l’attività casearia, la lavorazione della seta, mentre Cortaale è rinomato per la produzione di "fagiola", gustosa ed appetibile:un richiamo gastronomico e non solo perchè è possibile essere un momento produttivo.


Al 2010 l'agricoltura operava con
:
59 aziende; 144 lavoratori assunti a tempo determinato, e 13.914 giornate denunciate all'INPS.


Nel censimento 2000/2001
gli ettari coltivati totali erano pari a 3.961,67 di cui:

a)
conduzione diretta del coldiretto:H.1.917,24 (così ripartiti:con solo mano d'opera familiare: H. 642,14 con mano d'opera prevalentemente familiare: H.464,77; con mano d'opera extra familiare:H.810,33 );

b)conduzione senza il coldiretto: H.2044,43 (così riparti:con salariati:H.2044,43; altra forma:H. 0.00

Come si vede,la conduzione del coldiretto con H.1.917,24 su complessivi H.3.961,67 è pari al 48,39%. e per il sulla conduzione senza coldiretto.

E' un dato che aiuta e fa  sperare in un'agricoltura di produzione  e di mercato, che gemellata con l'artigianto di trasformazione, può essere l'avvio per lo sviluppo endogeno di Cortale.

Infatti, le aziende, diverse da quelle a conduzione familiare, sono il 51,61%, mentre occorre portare a cultura i restanti ettari. Da parte nostra entreremo nel territorio in sinergia con gli opertori del settore, dell'artigianato, del comparto turistico, delle Istituzioni per individuarne i percorsi.



Offerta Turistica

L'offerta turistica è collegata al decoro del centro storico, solo così, essa può avere contenuti economici, specialmente, se si accompagna all' artigianato tradizionale della seta  e ad un offerta dei prodotti agricoli locali biologici:legumi, ortaggi,frutta,olive, alle provole e latticini.Il turista cerca prodotti locali unitamente all'offerta culturale-artistica


Ma, per fare questo occorre che in Calabria l'agricoltura non sia pensata in chiave previdenziale perchè,non solo, avvilisce e favorisce il parassitismo, ma non permette la produzione e ci allontana dall'idea del lavoro inteso come servizio alla comunità. Cortale ha  gli uomini per avviare una svolta significativa perchè sorretta da un passato pieno di riferimenti culturali con artisti, gente di lavoro che hanno operato con alacrità e creatività, ne sono testimonianza, fra l'altro, l'architettura dei Palazzi e delle Chiese, le opere del suo artista per eccellenza, Andrea Crefaly. Lavoriamo raccogliendo l'eredità del passato per costruire ricchezza ed occupazione.

Ma, vediamo i settori i e le lavorazioni ad aprile 2011 presenti in Cortale,mentre ci riserviamo di conoscere e far conoscere i protagonisti per un cammino di sviluppo endogeno della cittadina mirato e sinergico:

SETTORI ECONOMICI OPERANTI NEL COMUNE AD APRILE 2011
ATTIVITA' Aziende Dipendenti
TOTALE INDUSTRIA EDILE: az. edili (1)
1 5
TOTALE ARTIGIANATO PRODUZIONE:Panificio (1);Prod.prodotti di panetteria (1);Infissi in alluminio (1)
3 4
TOTALE ARTIGIANATO SERVIZIO:Officina meccanica (1)
1
3
TOTALE EDILIZIA ARTIGIANA 3 3
TOTALE ARTIGIANATO 7 10
TOTALE AGRICOLTURA CON IMPIEGATI:Raccolta e frang. olive (1)
1 1
TOTALE AGRICOLTURA 1 1
TOTALE TERZIARIO AL DETTAGLIO:com.dett.alim(1);com.accessori di a (1)
2 3
TOTALE TERZIARIO DEI SERVIZI:farmacia (1);studio prof.(1);Onor.funebri (1)
3 6
TOTALE TERZIARIO PUBBLICI ESERCIZI:Albergo/ristorant (1);Bar
2 4
TOTALE TERZIARIO 7 13
TOTALE DI TUTTI I SETTORI 16 29

RICERCA SU POPOLAZIONE, ECONOMIA ed OCCUPAZIONE

Popolazione rilevata da censimento 1991-2001 ed iscritta all'anagrafe al 1/1/10 Pop.resid. al 1/1/2010 per sesso Territorio Densità
Popolazione Variazioni al 2001 su 1991 Popolazione al 01/01/2010 Variazioni al 01/01/2010 Totale Maschi Totale Femmine Maschi+ Femmine superfice per kmq Abitativa per kmq
al

su 1991 su 2001




1991 2001 Diff. in %
Diff. in % Diff. in %




2898 2436 -15,94% 2316 -20,08% -4,93% 1086 1230 2316 29,3 79,04

Nella ricerca effettuata  il confronto tra il censimento del 1991 e 2001  e dati Istat 1.1.10. Essa evidenzia il decremento costante della popolazione di Cortale dal censimento del 1991 (2.898 abitanti) a quello del 2001 (2.436 abitanti) ai dati Istat 1.1.10 (2.316 abitanti).L'analisi dettagliata in "ANALISI  MOVIMENTI ANAGRAFICI", a cui si rimanda, è chiarificatrice dei dati esposti.

Anno 2009: evoluzione demografica nei paesi ricadenti nel CPI di Lamezia Terme e nella Diocesi
Popolazione al 31/12/2008
Nati Morti Nati/Morti Saldo Diff. Iscritti / Cancellati Saldo Conviventi Popolazione al 31/12/2009.
F M Totale F M tot. F M tot. F M Tot. F M Tot. F M Tot. Femm. Maschi Totale
1234 1086 2320 8 6 14 11 7 18 -3 -1 -4 -1 1 0 3 2 5 1230 1086 2316

Si è voluto rilevare il fenomeno decremento della popolazione analizzando i dati demo tra due anni recenti,il 2008 ed il 2009.Continua il calo demografico: 2.320 abitanti nel 2008 e 2316 nel 2009 con un -4 determinato dal saldo negativo Nati/morti con un -4, mentre il saldo Iscritti/cancellati riporta un salamonico pareggio.L'analisi dettagliata in ANALISI  MOVIMENTI ANAGRAFICI", a cui si rimanda, è chiarificatrice dei dati esposti.

2009 2001 2009/2001
Famiglie Abitanti Famiglie
Famiglie variazioni(+ -)
Numero Abitanti per Famiglia Numero Numero Abitanti
per famiglia
Numero Abitanti per Famiglia
975 2,38 2436 958 2,54 17 -0,17

Così come per molti comuni calabresi anche per Cortale il decremento demografico ha avuto riflessi negativi sul numero delle famiglie del paese: 975  nel 2001;958  nel 2009: ben 17 famiglie in meno. Il numero dei componenti per famiglia passa da 2,54 del 2001, al 2,38 del 2009 con un -0,17 del 2009 sul 2001.Questi i dati rilevati.Cortale ha la potezialità, la vivacità per rinvertire la rotta,  lo soccorre la cultura, quel sui facere creativo per tornare ad essere centro d'interesse come per il passato.

=======

Abbiamo ritenuto necessario a questo punto, entrare  nella "Popolazione" più da vicino, quasi ascoltarla per coglierne i bisogni, il suo apporto con il lavoro produttivo, per cui l'individuazione della popolazione "in attiva  e "non attiva" ovvero, in età di "lavoro e non", poi per fascia di età.La ricerca  demografica,così diventa più impegnata e tanto appassiona perchè aiuta la nostra finalità:contribuire allo sviluppo endogeno del territorio,   cortalenella fattispespecie. Seguiamola:

POPOLAZIONE

popolazione attiva  e non attiva


Considerando due variabili, l'età e la situazione occupazionale, la popolazione viene classificata in:


Popolazione attiva
:

a) età: 16* -65 anni;

b) situazione occupazionale:occupata, disoccupata, inoccupata (ricerca di 1^occupazione) momentaneamente  impedita(ricoverati da meno di due anni in luoghi di cura e assistenza; detenuti in attesa di giudizio o condannati a pene inferiori a 5 anni);


Popolazione non attiva:
c)
età: età diversa da 16*-65 anni;
d) situazione occupazionale: i pensionati;gli infermi e i ricoverati a tempo indeterminato in luoghi di cura e assistenza;gli inabili permanenti al lavoro; i condannati a pene di almeno 5 anni; i mendicanti e coloro che vivono di pubblica beneficenza.


*ETA' E OBBLIGO SCOLASTICO: l'art. 48, c. 8, L. 4.11.2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) ha stabilito che l'obbligo di istruzione (10 anni - art. 1, c. 662, L. 296/2006) può essere assolto anche attraverso l'apprendistato per l'espletamento del diritto dovere di istruzione e formazione (art. 48 D.Lgs. 276/2003). Occorre però un'intesa tra regioni - Ministero del lavoro - parti sociali (vedere l'intesa sottoscritta nella Regione Lombardia il 27.9.2010). Conseguentemente, l'età minima per l'ammissione al lavoro, nella predetta situazione, ritorna ad essere di 15 anni (anziché 16).


popolazione non attiva popolazione attiva popolazione attiva e non
Eta' Totale Femmine Totale Maschi Femmine + Maschi Totale Femmine Totale Maschi Femmine + Maschi Totale Femmine Totale Maschi Femmine + Maschi
0-3 anni 25 28 53





4-5 anni 16 24 40





6-10 anni 49 35 84





11-14 anni 37 38 75















15 anni 6 10 16















16-18 anni


38 43 81


19-29 anni


142 129 271


30-45 anni


252 245 497


45-65 anni


332 303 635


66-80 anni 228 165 393





81-100 e + 105 66 171





Totali 466 366 832 764 720 1484 1230 1086 2316

La ricerca effettuata è interessante perchè permette di conoscere gli abitanti di Cortale per fascia di età, coglierne e valutarne le esigenze e le istanze indispensabili ad una programmazione mirata di sviluppo  endogeno.Il concetto di consenso ampliato ad un più generale ascolto dei cittadini dei quali abbiamo incominciato a conoscere i bisogni tramite l'anagrafe e le fascie di età che pur numeri, non sono più freddi,ma parlano, dicono, impegnano, determinano l'operare dell'amministratore. Ma, occorre avere dentro "la sana ambizione" che esalta l'uomo politico e la Politica e che, per questo, E' con la Maiuscola.

Quell'Anagrafe comunale ci dice che in Cortale:

-la popolazione attiva è pari a 1.484 abitanti, il 64,08% della stessa popolazione (Femmine 764 con il 32,99%; Maschi 720 con il 31,09%), di cui:16-18 anni con il 3,50%;19-29 anni con il 11,70%; 30-45 anni con il 21,46% e 46-65 anni, con il 27,42%.

-la popolazione non attiva, invece,è pari a 832 abitanti, il 35,92% della popolazione (Femmine 466 con il 20,12%; Maschi 366 con il  15,80%), di cui la fascia tra 0 -15 anni pari a 268 abitanti  con il 11,57%; 3^ età (66-80) e  4^ età (81-100+),564 abitanti, con il 24,35%.

La popolazione femminile (attiva e non) di Cortale è pari a 1.230 abitati,il 53,11% dell'intera  popolazione;quella maschile,1.086 abitanti,il 46,89%.La popolazione femmnile prevale su quella maschile del +6,22% con 144 abitanti in più, un dato in sintonia con lo scenario demografico dei comuni calabresi.

INPS LT al 12-09 disponibilità anno 2009 presso il CPI di Lamezia Terme di inoccupati e disoccupati Cortale
dati mod. dm 10 da 16 a 18 anni da 19 a 29 anni da 30 a 45 anni da 46 a 65 anni Totale Totali
Az/de Ass/ti D U Totale D U Totale D U Totale D U Totale D U D/U
21 33 1 4 5 47 44 91 77 49 126 27 29 56 152 126 278

I dati  rilevano la disponibilità al lavoro ed alle politiche attive date nel 2009 da residenti in Cortale facenti parte della popolazione attiva del Comune (suddivisa per fascia di età) al Centro Impiego di Lamezia Terme.(Link Dlvo 297/02 artt.1-2-3-4).
Indicano, altresì, le aziende operanti nel territorio comunale ed i dipendenti  assicurati dalle stesse presso l’Istituto previdenziale INPS nel mese di dicembre 2009 ( forza 12/09). Trattasi dell’occupazione legale perché denunciata presso l’Ente.

Perchè recarsi al Centro per l'impiego per dare la disponibilità?

Il lavoratore, inoccupato (ricerca di 1^occupazione) o disoccupato (lavoratore che ha perso il lavoro) per comprovare lo stato di disoccupazione deve rendersi disponibile  allo svolgimento di un’ attività lavorativa presso il Centro per l’Impiego presso cui ha il domicilio, nella fattispecie, Lamezia Terme.

Parimenti, e nel contempo,presenta un'autocertificazione attestante l'attività lavorativa precedentemente svolta (vedasi in Legge, Prassi, Interpelli: DGR 266/2007-D.1 e D.2.2).

Infatti, la condizione di disoccupato è un atto dichiarativo del lavoratore e non già un fatto accertativo del Centro per l'impiego, ed è cosa diversa dalle politiche attive del lavoro che scattano dalla data della disponibilità.

ll CPI controllerà nei suoi archivi e/o dispone indagini,anche a campione, tramite il Servizio Ispettivo della DPL,per i lavoratori già autonomi,la veridicità della dichiarazione resa ai sensi e per gli effetti degli artt.46 e 47,DPR 445/2000 (DGR.266/2007-D1).

Dalla data della disponiblità, l'inoccupato o disoccupato, gode delle Politiche attive del lavoro secondo le modalita',gli obiettivi e gli indirizzi definiti dalla Regione Calabria annualmente (art.15 LR. 5R/01) ed offrendo almeno i seguenti interventi:

a) colloquio di orientamento entro tre mesi dall'inizio dello stato di disoccupazione;
b) proposta di adesione ad iniziative di inserimento lavorativo o di formazione o di riqualificazione professionale od altra misura che favorisca l'integrazione professionale:
1) nei confronti degli adolescenti, dei giovani e delle donne in cerca di reinserimento lavorativo, non oltre quattro mesi dall'inizio dello stato di disoccupazione;
2) nei confronti degli altri soggetti a rischio di disoccupazione di lunga durata, non oltre sei mesi dall'inizio dello stato di disoccupazione.

Tanto è dettato dalla legge di Riforma del Collocamento, voluta  dal Consiglio di Europa che ne ha dettato i 4 pilastri (occupabilità, imprenditorialità, adattabilità delle imprese al mercato e pari opportunità),fatti propri dal legislatore nazionale che, sulle direttive comunitarie, ha posto la sua attenzione maggiore sul disoccupato di lunga durata, per poi  affidarla alle Regioni per l'adattabilità al territorio con proprie leggi regionali, in ossequio all'art.117 della Costituzione.Tra le Regioni: molte le virtuose, altre meno.La Calabria? Ha operato ed opera da Calabria.(Linnk)

INPS LT al 12/09 avviamenti presso CPI di Lamezia Terme  di inocuupati e disoccupati di Cortale
dati mod. dm 10 da 16 a 18 anni da 19 a 29 anni da 30 a 45 anni da 46 a 65 anni Totale Totali
Az/de Ass/ti D U Totale D U Totale D U Totale D U Totale D U D/U
21 33 0 0 0 19 14 33 80 62 142 89 34 123 188 110 298

I dati statistici rilevati sono relativi agli avviamenti al lavorato di lavatori (suddivisi per fascia di età)  che sono stati effettuati nel 2009 da parte delle aziende operanti  nel Centro Impiego di Lamezia Terme  a cui si sommano le proposte occupazionali dello stesso Centro per l’Impiego che hanno dato luogo a rapporti di lavoro se fatte proprie dagli inoccupati e disoccupati (link).

Nei dati INPS,come già evidenziato, le aziende operanti nel territorio di Cortale  ed i dipendenti assicurati presso l’Istituto previdenziale nel mese di dicembre 2009. Trattasi,si ribadisce, dell’occupazione legale perché denunciata presso l’Ente previdenziale.

dicembre 2009: aziende ed occupati in Cortale (Fonti INPS-dm10)
Totali Settori
Industria Artigianato Terziario Credito e Ass. Agricoltura
Aziende dipend. az. dip az. dip az. dip az. dip az. dip
21 33 9 16 11 16 0 0 0 0 1 1

I dati  rilevati sono relativi agli avviamenti al lavoro di inoccupati e disoccupati, stagisti  residenti in  Cortale, suddivisi per fascia di età, che sono stati effettuati nel 2009 da parte delle aziende operanti nel Centro Impiego di Lamezia Terme  a cui si sommano le proposte occupazionali dello stesso Centro per l’Impiego che hanno dato luogo a rapporti di lavoro se fatte proprie dagli inoccupati e disoccupati  interessati e residenti in Cortale (link dlvo 297/02 artt. 4-6-7).

Nei dati INPS, come già evidenziato, le aziende operanti nel territorio comunale  ed i dipendenti assicurati presso l’Istituto previdenziale nel mese di dicembre 2009 (forza 12/09).Trattasi,si ribadisce, dell’occupazione legale perché denunciata presso l’Ente.

Comune di Cortale Centro Impiego Lamezia Terme INPS dm 12/2009
iscritti all'anagrafe al 31/12/2009 disponibilità lav. anno 2009 avviamenti al lavoro anno 2009 aziende lav. assic/ti
Fascia età F M Totale F M Totale F M Totale

16-18 anni 38 43 81 1 4 5 0 0 0

19-29 anni 142 129 271 47 44 91 19 14 33

30-45 anni 252 245 497 77 49 126 80 62 142

46-65 anni 332 303 635 27 29 56 89 34 123











21 35
Totale 764 720 1484 152 126 278 188 110 298 21 35

Nella tabella un dato interessante che sfugge alle statistiche per dirci il vero, la realtà di un territorio, quello di Cortale  nel rapporto con le Istituzioni preposte all'occupazione.E' il bello della ricerca sul campo. Essa, infatti, mette a confronto la popolazione attiva presente all’anagrafe comunale del paese, suddivisa per fascia di età, ed il suo “ approccio” con il Centro per l’Impiego di Lamezia Terme.


Lascia perplessi, in particolare, il dato degli adolescenti (16-18 anni). Appena 5 di essi su 81 hanno dato allo stesso Centro la disponibilità immediata allo svolgimento di un’attività lavorativa.

Essa si riduce a poco più di un terzo, il 33,57%,per i giovani (estesi a 29 anni,età limite per l'apprendistato) la cui disponibilità è di 91 su 271 iscritti all'anagrafe e di cui avviati al lavoro 33.

In tal modo adolescenti e giovani non possono avere i vantaggi voluti dal legislatore nazionale e dall’UE con le Politiche attive (formazione-riqualificazione/inserimento lavorativo),nonchè gli altri vantaggi collegati alla condizione di dissoccupato/inoccupato che danno avvio alle incentivazioni contributive per gli imprenditori.Un'opportunirà per essere avviati al lavoro che non può essere banalizzata.


E’ una costante che si registra in tutti i paesi ricadenti nel Centro Impiego di Lamezia Terme, ma che si ripete in quello di Catanzaro e Soverato.

Viene in tal modo meno,
anche, l’opportunità di fare incontrare concretanente "Mondo del Lavoro"  e "Mondo della Scuola" con gli studenti che, accompagnati dai Tutor del rispettivo Istituto scolastico, avrebbero fatto le prime esperienze lavorative in azienda durante la pausa estiva (giugno/agosto)(Tirocini estivi scheda tecnica) e, quindi, aiutati nelle scelte professionali e nel contempo percepire i  rimborsi spese,( si ritiene a ragione come per l'Istituto dello Stage, max 600 euro al mese) (Scheda Tecnica Stage). Tanto evidenzia che... ( FARE LINK Analisi)

Da V°Censimento Agr.2000/2001: a)Aziende per forma di conduzione
CONDUZIONE DIRETTA DEL COLTIVATORE Conduzione Conduzione a colonia Altra forma di Totale
Con solo manodopera familiare Con manodopera familiare prevalente Con manodopera extrafamiliare prevalente Totale con salariati parziaria appoderata conduzione generale
267 53 84 404 3 ­
­
407
b) Superfice in ettari per conduzione
CONDUZIONE DIRETTA DEL COLTIVATORE Conduzione Conduzione a colonia Altra forma Totale
Con solo manodopera familiare Con manodopera familiare prevalente Con manodopera extrafamiliare prevalente Totale con salariati parziaria appoderata di conduzione generale
642,14 464,77 810,33 1.917,24 2.044,43 ­ ­ 3.961,67

La ricerca riporta i dati del censimento 2001 ed evidenzia quale conduzione ha l'agricoltura di Cortale.Vedasi analisi dettagliata in ECONOMIA - Agricoltura, a cui si rimanda, perchè chiarificatrice dei dati esposti e dell'Agricoltura di Cortale  mentre si accompagnano dati  occupazionali aggiornati al 2010.

AGRICOLTURA ANNO 2010
( Fonte INPS)
N° AZIENDE NEL COMUNE N° LAVORATORI N° GIORNATE DENUNCIATE
59 144 13914

La ricerca rileva le aziende e l'occupazione nell'anno del 2010 dei braccianti a tempo determinato.Vedasi analisi dettagliata in ECONOMIA - Agricoltura, a cui si rimanda,  perchè chiarificatrice dei dati esposti e dell'agricoltura di Cortale.

Redditi e contribuenti nel Comune di Cortale
2009 2008 2005
contribuenti ammontare Reddito medio contribuenti ammontare Reddito medio contribuenti ammontare Reddito medio
883 15.902.426 18.009,54 862 15.324.866 17.778,27 826 12.408.972 15.022,97

Sono i dati reddituali dichiarati dai contribuenti di Cortale così come comunicati dalle Finanze, ma che  sono  statistici perchè il reddito rilevato è rapportato al numero dei contribuenti dichiaranti, vero è definito "reddito medio".

Last Updated Wednesday, 06 June 2012
< Previous Next >

Indice Comuni della Diocesi

User Login





No account yet? Create account

Syndicate

RSS 0.91
RSS 1.0
RSS 2.0
ATOM 0.3
OPML
Top